You are here: Home

Impianto di calcetto di Pisticci Centro: quale futuro?

E-mail Stampa PDF

 

Il campo di calcetto di Pisticci Centro, già in gestione al Circolo Tennis e chiuso qualche mese fa per inagibilità strutturale, attende di conoscere se e in quale maniera potrà diventare nuovamente centro di aggregazione sociale e sportiva per la comunità pisticcese.

Nello scorso mese di giugno abbiamo incontrato il Sindaco e poco più tardi l'Assessore allo sport: ad entrambi abbiamo esposto con chiarezza le problematiche relative al recupero dell'impianto e alla rinegoziazione delle convenzioni che regolamentano la gestione del predetto campo di calcetto e degli impianti attigui. Abbiamo offerto in verità anche soluzioni, già proposte alla precedente amministrazione comunale senza ottenere alcuna risposta.

Ora però ci aspettiamo che l'amministrazione appena insediatasi abbia a cuore le problematiche dello sport, troppe volte ostaggio della indifferenza; ci aspettiamo altresì che in tempi brevi intenda rispettare gli impegni presi in campagna elettorale e scritti nel programma,  tra i quali ricordiamo appunto il recupero del campo di calcetto e la regolamentazione dei rapporti convenzionati tra il Comune ed il Circolo Tennis.

Quest'ultimo, per parte sua, sta provvedendo con la cura di sempre a far fronte agli impegni di gestione assunti contrattualmente e con minore facilità alle difficoltà economiche che vieppiù si acuiscono.

Per quanto tempo ancora sarà possibile garantire questo servizio alla comunità pisticcese e ai numerosi  forestieri che dimostrano di apprezzare gli impianti di via Madonna delle Grazie? Per quanto tempo ancora saremo in grado di rispondere alle ordinarie esigenze sportive e didattiche, ma anche a quelle di controllo e prevenzione delle devianze giovanili, il cui contrasto non può essere delegato soltanto alle forze dell'ordine? Molto dipende dalla qualità e dalla tempestività delle risposte che la pubblica amministrazione saprà dare. Tutto il movimento dello sport pisticcese, che annaspa in condizioni sempre più difficili, attende la stessa qualità e tempestività di intervento che le prime dichiarazioni dell'Assessore allo sport sembravano in qualche modo assicurare.

Servono infatti soluzioni veloci ed innovative che garantiscano e tutelino i diritti e le aspettative di tutti su un piano di pari dignità fra le diverse discipline sportive presenti sul territorio.

Visite: 2468
Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento
riduci | ingrandisci

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy