You are here: Home

Raduno tecnico a Potenza.

E-mail Stampa PDF
raduno del 29 settScritto da Livia Adinolfi.                                                                                                                                                                                     Nell’ultima domenica di settembre, sui campi federali di via Racioppi a Potenza, un discreto gruppetto di giovani aspiranti tennisti, bimbi e bimbe dai 9 ai 12 anni, sono stati i protagonisti di quello che si può ritenere il “giorno 0” del progetto “team Basilicata”. Si tratta di un’iniziativa in cui la Federazione lucana crede con convinzione e tenacia, proponendosi molteplici obiettivi.  Il primo, è forse il più importante, cioè quello di creare un’occasione di crescita, non solo sportiva ma anche umana, dal carattere didascalico e formativo per tutti i ragazzi che praticano questa disciplina con dedizione e passione, divertendosi ed impegnandosi in un’attività agonistica che richiede loro sacrifici e che, al tempo stesso, può regalare tanti insegnamenti, gioie e soddisfazioni, ma anche sconfitte, amarezze e delusioni, cioè la gamma completa di tutte le esperienze umane, che si sommano a costruire la loro personalità ed il loro percorso. Sono momenti, passaggi di vita, riflessi di occhi che si incrociano per un giorno o forse, se il loro tennis lo vorrà, per periodi anche più lunghi, nella condivisione di un viaggio, quello con racchetta e pallina in valigia, che li condurrà su campi sempre nuovi, nello spazio tracciato da linee e nei tempi scanditi da tutti i 15 che avranno l’occasione di giocare. Per alcuni questa sarà l’esperienza di un’infanzia ormai andata da raccontare ai figli, ma ci piace pensare che gli stessi bimbi di oggi potranno ricontrarsi su un campo qualsiasi della Basilicata, magari per una tappa del circuito invernale, quando saranno veterani e ricorderanno quella domenica di settembre in cui si sono conosciuti. Questo romanticismo non deve però sviare dall’obiettivo principale, quello strettamente tecnico e legato alla competizione. Anche negli anni precedenti, l’attività giovanile è stata sempre ritenuta centrale e le diverse esperienze maturate dai ragazzi, hanno spinto a fare di più e migliorare la condizione attuale. Nasce da qui la consapevolezza della necessità di un’impronta maggiormente professionale e basata sulla programmazione dell’attività individuale di ogni atleta e di squadra, con un calendario di incontri, allenamenti e partite amichevoli. Si sente il bisogno di una struttura fissa ed organica, attraverso cui i tecnici federali possano plasmare una squadra in grado di competere, nei limiti delle nostre possibilità, con le corazzate delle altre Regioni d’Italia, cercando di evitare una demotivante collezione di “ovetti”.In questo compito, fondamentale sarà l’aiuto e la collaborazione dei Circoli e dei rispettivi staff tecnici, che dovranno seguire con attenzione ancora maggiore i loro allievi, motivandoli, sostenendoli ed allenandoli seguendo quanto concordato con i tecnici del “team” in un clima di unione di intenti. Con questo spirito, ai nastri di partenza, i ragazzi provenienti da tutte le zone della Regione, si sono dimostrati subito pronti ad accogliere la sfida e malgrado la loro tenera età, si sono sottoposti all’allenamento guidato dal Maestro Enzo Fiore e dai suoi collaboratori, Giovanni Fontanarosa e Giovanni Ostuni. Divisi in due gruppi, per categorie di età, i 2001 e 2002 sul campo n.1 ed i 2003/2004 sul campo n.2 i ragazzi, hanno cominciato a sottoporsi ad un allenamento in perfetto stile “Full Metal Jacket”. Ironia a parte, questa prima giornata è servita per sondare il terreno e fare il punto della situazione, per gli allenamenti intensivi e spompanti ci sarà tempo in futuro, quando la squadra sarà delineata.Intanto i ragazzi hanno fornito spunti interessanti ai maestri, che nei prossimi raduni tecnici potranno approfondirne la conoscenza. Le porte rimangono aperte per tutti, soprattutto per coloro, che per difetto di comunicazione, non erano purtroppo presenti oggi. La giornata si conclude con i saluti sempre molto affettuosi del presidente della Federazione Lucana Tennis, Mimmo Volturo, sempre presente e vicino a tutte le manifestazioni che coinvolgono i più giovani.Secondo calendario il prossimo raduno è previsto per domenica 13 ottobre, con i primi test atletici. Ci si affaccia così all’autunno, ma il clima è caldo intorno al tennis di Basilicata ed ai suoi primi attori, i più piccoli, il futuro.
Visite: 2362
Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento
riduci | ingrandisci

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy